Contratti di locazione ad uso commerciale

Di |2020-05-21T18:41:29+02:0011 Mag 2020|Tag: , , , |

I provvedimenti normativi adottati per far fronte all’emergenza sanitaria hanno disposto la sospensione, prima parziale e poi totale, dalla maggior parte delle attività commerciali, quali attività commerciali al dettaglio, attività di servizi di ristorazione, attività inerenti i servizi alla persona, non prevedendo, tuttavia, misure in merito alla sospensione dei pagamenti dei canoni di locazione degli immobili adibiti allo svolgimento delle attività sospese (eccezion fatta per un credito d’imposta per i soli immobili rientranti nella categoria catastale C/1). […]

Contratti commerciali

Di |2020-05-21T18:43:17+02:0011 Mag 2020|Tag: , , , |

La situazione di emergenza in atto e i provvedimenti di contenimento emanati nelle ultime settimane hanno determinato forti limiti all’operatività delle aziende e delle attività commerciali, comportando quindi ritardi o addirittura l’impossibilità di adempiere ai propri obblighi contrattuali. Inoltre, la pandemia, classificabile quale evento imprevedibile e straordinario, assume rilievo in quanto fattore che potrebbe comportare un’alterazione dell’equilibrio contrattuale. […]

Cosa cambia con il Dpcm 11 marzo 2020?

Di |2020-04-07T09:36:15+02:0003 Apr 2020|

Il Dpcm 11 marzo 2020 ha disposto la sospensione: delle attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nel provvedimento, sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione; delle attività di servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie). Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per le attività di confezionamento che di trasporto; delle attività inerenti i servizi alla persona (fra cui parrucchieri, barbieri estetisti). Ferma restando l’applicazione delle misure restrittive già [...]

Quali sono i rimedi nei contratti di appalto a seguito del Dpcm 11 marzo 2020?

Di |2020-04-07T09:36:21+02:0003 Apr 2020|

Si potrebbero prospettare, a titolo esemplificativo, i seguenti rimedi: qualora per effetto di circostanze imprevedibili si siano verificati aumenti o diminuzioni nel costo dei materiali o della mano d’opera, tali da determinare aumento/diminuzione superiore a 1/10 del prezzo, le parti possono chiedere una revisione del prezzo. È necessaria la variazione del costo dei materiali o della mano d’opera che abbia carattere di imprevedibilità e che sia superiore a 1/10 del prezzo. Le parti hanno il diritto all’aggiornamento del prezzo, NON alla risoluzione del contratto. È fatta salva la facoltà delle parti di escluderne l’applicazione o modificare la disciplina contrattualmente. In [...]

In che modo i provvedimenti ad oggi adottati possono impattare sull’esecuzione dei contratti?

Di |2020-04-07T09:36:29+02:0003 Apr 2020|

Le misure urgenti adottate per il contenimento del virus potrebbero incidere sulla capacità delle parti di eseguire o ricevere le prestazioni oggetto dei contratti pendenti. I recenti decreti possono costituire un «factum principis», idoneo ad escludere l’imputabilità dell’inadempimento a condizione che non si tratti di una semplice difficoltà di adempiere dovuta a una temporanea insufficienza patrimoniale. Al fine di poter invocare la forza maggiore tali provvedimenti devono tuttavia soddisfare tre requisiti: imprevedibilità al momento della conclusione del contratto; inevitabilità tale per cui l’impossibilità della prestazione, causata dal provvedimento, non può essere superata dall’ordinaria diligenza; non imputabilità, nel senso che il [...]